domenica 6 aprile 2014

TORTA SBRICIOLATA

Uhmm, son sincera: sono una a cui non piacciono molto le marmellate, mi piacciono solo quelle di fragole, di frutti di bosco o di ciliegie.
Insomma, sono innamorata credo dei colori rossi e violacei.
Se qualcuno mi presenta una marmellata differente la assaggio, ma non ne esco pazza, né riuscirei a dire che mi è piaciuta molto, lo so già.
Insomma, potrei gradirla, tanto anche, ma certamente non ne vorrei ancora.
Quindi faccio pochissime volte le crostate proprio per questo motivo, cadrei di certo nella monotonia assoluta del gusto.
Perché alla fine il bello delle crostate è potersi sbizzarrire con diversi sapori e colori ogni volta.
L'altra sera tornata alle 20.30 da lavoro ero stanchissima, ma non volevo andarmene a nanna e sbirciando in frigo mi sono resa conto di avere tutti gli ingredienti per poter fare un dolce, ma non uno qualsiasi, volevo fare la sbriciolata della mia mamma.
Lei la prepara spesso. Le riesce benissimo ed è davvero, ma davvero buonissima.
E' il classico dolce che si può preparare in anticipo, che si può regalare a qualcuno, quello che puoi star certo ti farà fare una bella figura, quello che alla fine puoi farcire come preferisci, con cioccolato, marmellata, ganache o creme.
Mamma ad esempio lo farcisce con la nutella o una crema al cioccolato.
Io però preferisco la classica crema, perché secondo me la addolcisce senza esagerare e perché la rende delicata da assaggiare in qualsiasi momento della giornata.
Colazione, merenda oppure come dolcetto per finire in dolcezza un pasto.
E' facilissima da fare.
Porta via del tempo solo perché bisogna farla venire come si deve.
A voi la ricetta base, io l'ho farcita con la crema, trovate la ricetta QUI.
Lo ripeto si può farcire come meglio si preferisce, come fosse la vostra solita crostata.


Ingredienti per uno stampo da 22 cm Ø:
  • 300 gr di farina ripo "00"
  • 150 gr di zucchero semolato
  • 100 gr di margarina (o burro a pomata) + quella per la teglia
  • 1 bustina di lievito
  • 1 uovo
  • 50 gr di liquore (facoltativo)
  • zucchero a velo q.b.
  • pangrattato q.b.
Procedimento:
In una coppa rompere l'uovo e lavorarlo con una frusta elettrica in modo tale che faccia un po' di schiuma. A questo punto aggiungere lo zucchero e lavorare ancora con la frusta fino a sentirlo un po' meno granuloso.
Unire la margarina e lavorare con una spatola di silicone, seguendo dei movimenti dal basso verso l'alto e schiacciando verso i bordi del recipiente in modo tale da far sciogliere tutto lo zucchero durante la lavorazione.
Aggiungere il liquore se di vostro gradimento, io non l'ho usato.
Incorporare la farina ed il lievito insieme setacciandoli e aggiungendoli poco per volta all'impasto, aiutandosi sempre con la spatola.
Quando tutti gli ingredienti saranno ben uniti ed amalgamati tra loro, lavorare un po' la pasta ottenuta con le mani, il loro calore faciliterà la formazione del panetto di pasta.
Accendere il forno e preriscaldarlo a 180°C.
Imburrare una teglia e cospargerla di pangrattato.
CURIOSITA': solitamente si è abituati a imburrare e infarinare le teglie per i dolci, ebbene, in questo caso l'impasto sarebbe capace di assorbire altro burro e altra farina, quindi ho usato il pangrattato. E' un ottimo trucco anche per le torte di mele.
Tenere da parte 1/3 dell'impasto.
Stendere i 2/3 restanti sul fondo della teglia aiutandosi con palmi e dorsi delle mani.
Fare in modo di creare una sorta di bordo più alto in modo tale da creare una conca che ospiti la farcitura scelta.
ATTENZIONE: essendo un impasto davvero molto morbido, può aiutare sporcarsi le mani di tanto in tanto con della farina, in modo tale da non far scivolare qua e là la pasta.
Farcirla con ciò che si preferisce, io ho usato la mia crema pasticcera.



Dopodiché completare la parte superiore della torta, facendo dei vermicelli di pasta con l'impasto messo da parte prima, facendo attenzione a ricoprirne tutta la superficie.



Infornare per 30 min circa, bisogna far colorare la pasta, farla dorare, ma non bisogna farla indurire, bisogna tirarla fuori dal forno ancora un po' morbida, un po' come quando si fanno i biscotti, si indurirà poi dopo, mentre raffredderà.
Servire fredda aggiungendoci sopra un po' di zucchero a velo.

F.ederica

6 commenti:

  1. Posso averne una fettina prima di andare a nanna?:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara, solo una? E solo prima della nanna?
      Tutte quelle che vuoi... :D
      Un abbraciooooo

      Elimina
  2. Cara Federica io purtroppo amo tutto ahahhah La tua torta è fantastica, adoro gli strati di crema così generosi :-9 Baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeeh che ci possiamo fare? Son dell'idea che (a volte) i peccati son fatti apposta per esser commessi, soprattutto quelli di gola e ancor di più se si parla di strati più che generosi di crema ^_^
      BACIONI a prestoooo

      Elimina
  3. Anche a me piacciono solo alcuni tipi di marmellata.Moltissimo quella ai mirtilli. Ne ho un bel barattolino e ci farò il tuo dolce:))
    Bacio
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oooooh buonissima quella ai mirtilli, soprattutto quando li trovo interi all'interno.. poi sulle fette biscottate al mattino, mi da una carica allucinante!!
      Se la provi davvero, mi fai sapere se ti è piaciuta?
      A me farebbe davvero tanto piacere :D
      un bacio a te cara Angela.. a prestoooo

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...